martedì 8 ottobre 2013

SPECCHIO DELLE MIE BRAME

Ci siamo dati appuntamento per le otto e mezzo, ma io come al solito sono in ritardo sulla tabella di marcia e lui invece è in anticipo e sta già suonando il campanello di casa. 
"Saliiiii!" Gli urlo dal citofono. Ho sempre paura che si senta poco. 
Gli lascio la porta accostata e mi fiondo in bagno..devo solo finire di truccarmi, sistemarmi i capelli e vestirmi..questione di dieci minuti, un quarto d'ora al massimo...non sarà la fine del mondo. Sento la porta chiudersi e la sua voce pronunciare il mio nome "Eva" (che lo dice in un modo che ve lo farei sentire pure a voi..da brividi). Gli dico che sono in bagno, che sto finendo di prepararmi, che faccia un po' come gli pare..che accenda pure la TV, che legga un libro, che metta su la musica o guardi il pc. 
Lui può fare tutto. 
E infatti fa proprio come gli pare: mentre mi sto  passando il rossetto lo vedo apparire dietro di me. La sua faccia sorridente è riflessa nello specchio. Sorrido anche io e senza girarmi gli faccio ciao con la manina. Ma con lo sguardo lui è già altrove: sento scivolarmi i suoi occhi addosso...sulla schiena nuda prima e sulle mutandine di pizzo poi. Faccio finta di nulla e finisco di darmi il rossetto, piegandomi leggermente per vedermi meglio allo specchio. "Stasera faremo tardi" penso tra me e me...e sono sicura che anche il suo pensiero non sia molto diverso.
Riflesso nello specchio lo vedo guardarmi tutta un'ultima volta poi si avvicina a me, il mio seno nelle sue mani, la sua bocca sul collo e la voglia che si fa spazio dentro di me.
"Eva", ancora il mio nome, ma questa volta detto piano. Vorrei dirgli qualcosa ma tutto quello che mi esce dalle labbra è un sospiro.
Guardo un'ultima volta la nostra immagine allo specchio, poi chiudo gli occhi e mi lascio andare.
"Mi piace quando chiudi gli occhi" mi dice con quella sua voce morbida.
Mi sposta i capelli e con la bocca inizia il suo percorso sulla mia schiena: bocca, lingua e mani scivolano sulla mia pelle.
"Non riesco a tenerli aperti quando mi fai così" e sento la sua bocca incresparsi in un leggero sorriso.
Il silenzio che segue non fa altro che aumentare la mia eccitazione: le sue mani adesso sono sui miei fianchi e lentamente fa scivolare giù le mutandine. Non è successo ancora niente e già muoio di piacere. Quel piacere che si fa liquido tra le mie gambe, quel piacere che lui adesso raccoglie tra le dita che piano si insinuano dentro di me. Potrei anche venire così, ma lui sa fino a dove arrivare, quando fermarsi. E prolungare l'attesa.
E infatti sfila le dita, lasciandomi vuota, ansimante e terribilmente eccitata. Apro gli occhi per fargli capire il mio disappunto, anche se so che a condurre il gioco è lui e io non posso fare altro che godermi le sue attenzioni: essere nelle sue mani, abbandonarmi, è un piacere al quale non posso fuggire e che mi attira come una calamita.
Attraverso lo specchio mi tiene gli occhi incollati ai suoi, mentre mi passa le dita sulle labbra che adesso sanno di me e della mia voglia di lui.
Con un gesto deciso mi spinge giù e la mia pelle incontra il freddo del marmo, ma nemmeno lo sento perchè tutto quello che voglio adesso è averlo dentro di me. E' un pensiero che ho in testa da ore, ancor prima che lui arrivasse. Come un bisogno, un'esigenza vitale. La mia voce lo supplica, il mio corpo lo brama e si inarca verso di lui che piano entra dentro di me. I suoi movimenti sono lenti all'inizio mentre con la bocca sul mio collo mi sussurra tutte le cose che voglio sentirmi dire, nessuna esclusa, e per ognuna lo ringrazio, lo supplico di dirlo ancora e ancora.
Mi fa impazzire alternando spinte più decise ad affondi più dolci, e due dita leggere a sfiorare il mio sesso con un ritmo che mi sta portando dritta dritta verso l'orgasmo: lo specchio mi rende spettatrice del mio stesso piacere e io non posso fare a meno che guardare questa scena e goderne lasciandomi andare, con le gambe tremanti e il respiro spezzato. E lo stesso lui, mentre con le mani mi stringe i fianchi in un'ultima spinta e in un gemito di puro piacere si accascia su di me. 
Restiamo così per qualche istante, lui che mi abbraccia nascondendo il viso tra i miei capelli e io che non ho voglia di muovermi e spezzare così quel momento di intimità. Non ne ho nessuna voglia. Propio nessuna. 
Rimarrei così, piegata su questo marmo freddo con lui addosso, per l'eternità.

9 commenti:

  1. Come uso spesso ripetere:

    "Ognuno ha il suo paradiso nel mondo dove si trova la persona più importante per lui..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Embè..come darti torto :)

      Elimina
    2. Quando trovi il paradiso adatto a me, fammi sapere, perché lo sto cercando da troppo tempo

      Elimina
    3. Eh...però come dici te ognuno ha il suo paradiso personale.. Puoi trovarlo solo tu. E lo troverai.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Oh, mi hai fregato il commento! :D

      Elimina
  3. Caspita...che feeling tra voi...un po' ti invidio ^____^. Grazie di essere passata e di avermi raccontato la tua storia...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Grazie! Però non sono tutte rose e fiori..anzi..diciamo che la maggior parte sono spine che pungono! Qui è giusto raccontarci i momenti belli, quelli che diventeranno ricordi indelebili nella memoria.. Non ti saprei dire se io e lui ci siamo incontrati troppo tardi o semplicemente in un momento sbagliato..me lo chiedo spesso.. So solo che il destino è un po' stronzo..ti fa incontrare belle persone e poi non ti da la possibilità di viverle appieno.
      Forse te l'ho già detto, ma io tifo per te e il tuo montanaro... è una storia dolce la vostra!!
      Ti abbraccio!

      Elimina
    2. Niente di più vero. Spesso il destino è infame. Spesso ci si incontra nel momento sbagliato o i tuoi tempi non coincidono con quelli dell'altro/a. E restano segni indelebili nell'attesa che da dolorose cicatrici si trasformino in ricordi di momenti belli trascorsi insieme...

      Elimina