venerdì 20 marzo 2015

I BUONI PROPOSITI DURANO 3 MESI E MEZZO

Mi sono data solo un buono proposito per il 2015, ovvero quello di non vederlo più, di non cercarlo più, di dimenticarlo. Diciamo che dimenticarlo sarebbe il top, ma mi basterebbe la forza di non cedere al suo richiamo.
Dal 1 di gennaio.
Nessun cedimento, nessun ripensamento. Non lo cerco più. Devo essere forte. Devo farlo per me. Non posso amare chi non mi ama. Non va bene. No, no, no.
Gennaio passa tra alti e bassi, la tentazione di vederlo è forte, la sua assenza si fa sentire. Mi cerca, lo evito. Fa male.
A febbraio le mie difese sono più robuste, la mia mente va sempre a lui e a volte immagino che le mani che mi prendono siano le sue. Ma vado avanti, ci riesco anche senza di lui.
Poi arriva marzo, addirittura cancello anche i suoi vecchi messaggi. L'avvicinarsi della primavera mi da coraggio, qualcuno mi fa godere, e su un volo per la Spagna conosco un uomo interessante. Le cose stanno prendendo la piega giusta mi dico.
Poi succede che mi cerca, di nuovo. Una settimana fa. Vedere il suo nome lampeggiare sullo schermo del cellulare mi fa mancare il fiato, come quando mi stringeva la gola mentre godevo sopra di lui. Cancello il messaggio senza nemmeno rispondergli. Lui questa volta non molla e continua a cercarmi anche nei giorni successivi. E' un attacco estenuante alle mie difese. Ogni giorno. Ancora e ancora.
Fino a farmi arrendere, tra le sue braccia.
Ciao unico buono proposito del 2015, sono felice di averti abbandonato perchè non puoi capire quanto sia stato bello ieri sera. Ritrovarsi dopo tre mesi, l'incastro perfetto dei nostri corpi, le bocche affamate e le mani avide. E non mi importa se per lui è solo sesso. Se mi farò male.
Io scelgo di vivere.


..Per le mie dita nella tua bocca
per la tua saliva
per le tue mani
per il mio tempo che nei tuoi occhi è imprigionato
per l'innocenza che cade sempre e solo a lato
per i sussuri mischiati con le nostre grida
ed i silenzi..

12 commenti:

  1. E fai bene. Per quale motivo rinunciare a qualcosa che da piacere?
    E poi, a meno che non ti prenda a bastonate sulla schiena, come fa a farti male? Il "male" di cui parli non è altro che una creazione della tua mente e, quindi, non esiste :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi darmi ripetizioni di vita tu. Mi serve un ripassino ;-)

      Elimina
  2. Certo, vuol dire che così deve essere! Penso che un rapporto diventi duraturo se alla base c'è " l'intrigo dei corpi " che, piano piano, porterà " all'intrigo delle menti".e se non ci dovesse essere questo secondo "intrigo", potrai dire, semplicemente, di aver soddisfatto i tuoi sensi e uscirne soddisfatta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che lui si innamori di me lo escludo. Se non è successo in due anni che ci frequentiamo non mi sento di avere molte speranze :-) Però va bene anche solo l'attrazione fisica eh..come hai detto te ne esco soddisfatta. E alla fine va bene.

      Elimina
  3. Se fa star bene, perché deve essere sbagliato?
    Star male dopo è solo il conto da pagare per esser stata bene ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Non ci sono alternative.

      Elimina
  4. All'inizio per me è stata dura col "proposito", infatti il mio cedimento è avvenuto praticamente subito. Io ho chiudo totalmente in seguito al mio piegamento a "pigliarla nel C**O", poi son tornata indietro come una stupida (volta uno), poi ho detto basta ancora, poi di nuovo a pensarci, poi... non lo so, ho deciso di andar avanti e ho conosciuto una persona... ma i pensieri son rimasti! Spero che vada meglio. Ma a quanto pare se non è complicato non ci piace ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così: più è complicato, difficile, impossibile, doloroso e più ci ostiniamo nel portarlo avanti. Ma probabilmente è l'unico modo possibile per vivere certe storie.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Soprattutto nessun rimpianto!! :-)

      Elimina
  6. Comprendo benissimo ciò che stai vivendo, avendolo provato sia da un lato che dall'altro. C'è un profondo squilibrio, e lo sai bene, tra ciò che lui vuole da te e ciò che tu senti e vorresti da lui.
    Ne sei ben consapevole e questo è l'importante.
    Finchè dura ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sono entrata nel mood "prendo quello che viene". Lascio sempre che sia lui a cercarmi, l'unica cosa che faccio io è quella di rispondergli sempre di sì. E forse è questo che sbaglio.. il fatto di essere sempre disponibile per lui.

      Elimina